Variata l’aliquota aziendale al Fondo Fondapi per i dipendenti della piccola industria del cemento

Dal corrente mese di luglio risulta variata l’aliquota contributiva a carico dell’Azienda a Fondapi, il Fondo di previdenza complementare per i lavoratori della piccola industria del cemento.


 


A partire dall’1/7/2017, l’aliquota contributiva a carico dell’Azienda è fissata in ragione del 1,90% della retribuzione utile per il calcolo del TFR.
Resta inteso che l’aliquota contributiva a carico del lavoratore, rimane fissata all’1,40% della retribuzione utile per il calcolo del TFR.
Si ricorda che la quota di iscrizione, pari a euro 12,91 e dovuta “una tantum” dai lavoratori che si iscrivono a Concreto, è posta a carico dell’Azienda di riferimento.
Le contribuzioni volontarie versate dai lavoratori continueranno ad essere calcolate sulla retribuzione commisurata al valore del minimo tabellare, ex indennità di contingenza, EDR e indennità di funzione quadri di spettanza di ciascun lavoratore.


 

Licenziamento del lavoratore venticinquenne: nessuna discriminazione

Secondo la Corte di giustizia, i principi comunitari di parità di trattamento in materia di occupazione non ostano ad una disposizione che autorizzi un datore di lavoro a concludere un contratto di lavoro intermittente con un lavoratore che abbia … [Continue reading]

Liti pendenti col Fisco? Ecco le modalità per chiudere la controversia

Con il Provvedimento n. 140316 del 21 luglio 2017, l’Agenzia delle Entrate ha stabilito le modalità di accesso alla definizione agevolata delle liti pendenti col Fisco, e in particolare per quelle in cui è parte la stessa Agenzia delle Entrate. … [Continue reading]

Indicazioni da Federmeccanica sugli adempimenti al Fondo Metasalute

Federmeccanica con circolare del 21 luglio, fornisce indicazioni sugli adempimenti tecnici e normativi per le coperture sanitarie integrative di Metasalute a decorrere dall’1/10/2017 La circolare di Federmeccanica è rivolta alle associazioni … [Continue reading]

Tarsu, decadenza e prescrizione

Il termine quinquennale stabilito dall'art. 1, comma 161, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 fa riferimento alla rettifica, da parte degli enti locali, delle dichiarazioni incomplete o infedeli o dei parziali o ritardati versamenti, nonché … [Continue reading]